Clouds

spettacolare

il mare è uno splendore

anche in autunno

Spiaggia di Vernazzola _Genovs

Uno scatto che mi ha dato soddisfazione ..scelto anche da GenovaToday ..(giornale on line della mia città )..ma resto umile 🤣😂😂..a parte le battute piccole soddisfazioni.

Sto ascoltando 🎧

[foto Novembre 2017]

Annunci

Autumn🍁🍂

Il suo fascino non risiede solo nella luce suggestiva, nei colori caldi e nelle temperature gradevoli, ma anche nella sua etimologia: dal latino augere, ossia aumentare – arricchire.

Piani di Praglia -Entroterra Genova.

Per gli amanti dei colori, l’autunno è così ricco di piante, fiori, bacche, foglie da accostare in modo audace, che la creatività di chiunque trova immensa soddisfazione. È una stagione languida e romantica, dalle mille suggestioni che ha ispirato illustri poeti e narratori.

Foglie 🍁 a terra 2017

sfuggono alle nuvole

anche i raggi sottili

una sola foglia🍁

Natsum Sōseki

Foglie 🍁 


Sto ascoltando 🎧

[foto scattate in vari momenti 2017]

Walk the Line (new)

Un ‘altro aggiornamento del progetto colora i piloni della Sopraelevata che chiude questa prima fase con 20 piloni ultimati .(in primavera riprende.)

Un occhio, un mezzo sorriso, il ritratto di un uomo a tutta altezza realizzato da Rosk & Loste, artisti siciliani, decora il pilone numero 60 della Sopraelevata e conclude il primo ciclo di Walk the Line, la campagna per colorare tutti i piloni.

Rosk &Lost fronte -pilone 60

Retro

il pilone più grande è stato colorato da un lato,con un parrucchetto (pappagallo) gigante, che sovrasta la città portuale.

Dall’altro lato c’è Gattagà, un pappagallo arrivato a Genova, verso la metà dell’800, portato da un marinaio. Gattagà  visse tantissimi anni, la sua ultima proprietaria, Ersilia Lazzeri, quando il pappagallo morì volle inumarlo nella grande tomba di famiglia, a ridosso al boschetto vicino alla tomba di Mazzini.L’opera è una dedica alla città che cambia e che si riempie di colori, una sua visione astratta degli uccelli che da anni hanno colonizzato la città. I pappagalli, provenienti dalla fascia temperata afro-asiatica e venduti per stare in casa, sono fuggiti dalle gabbie riproducendosi e ricreando un ambiente “naturale” nell’area genovese.

Mrfijodor Retro -pilone 68

Mrfijodor Fronte

Nelle foto seguenti altri tre piloni decorati .

Geometric Bang-Pilone 65

Miccolo Masini. -pilone 

Opiemme -Pilone 63

Sto ascoltando 🎧.

[foto scattate a Genova Ottobre 2017]

Qui a questo link aggiornamento precedente ..to be continued..

Photo of Week 📸

Ho preso spunto da questo foto scattata in questo anomalo Ottobre in Liguria (25 gradi!) pensando all’atto di scherno fatto da alcuni tifosi nei confronti di altri ..utilizzando l’immagine di Anna Frank..lasciando perdere tutto il caos mediatico che è stato creato e provocato ..la miglior risposta per me sta nelle frasi scritte da lei nel suo diario .Tenendo presente che la libertà individuale non può collidere con la verità.

Non penso a tutta la miseria, ma alla bellezza che rimane ancora.

[A.Frank]

Bogliasco -Liguria 

Sto ascoltando 🎧

Photo of Week 📸

“La cosa migliore della fotografia: cambia il tuo punto di vista.”

‘elevador de Santa Justa  Lisbona 🇵🇹

cambiare è la cosa più naturale del mondo.Panta rhei, tutto scorre diceva il buon Eraclito.

Ma noi vogliamo essere l’unico punto fermo, vogliamo essere la barriera al cambiamento .

.Vogliamo fermare il tempo e cristallizzarci in qualcosa che rimanga fisso e immutabile.

Perchè ci troviamo bene così.Siamo conservatori per questo viviamo di abitudini. Ma anche cambiare fa parte di noi. Lo facciamo ogni giorno, da quando siamo nati.

Cambiare il punto di vista(non e’facile )

se ci riesci ogni giorno puoi scoprire nuove strade basta solo cambiare il punto di vista.

Sto ascoltando 🎧.

[foto scattata a Lisbona 2017]

Rolli Days Genova 2017

Genova e i suoi Palazzi dei Rolli, Patrimonio dell’Umanità Unesco. Due giorni per esplorare le splendide residenze dell’aristocrazia genovese, restare affascinati dalla bellezza di affreschi, arredi, dipinti, scoprire le storie delle famiglie della nobiltà genovese e le vicende di una città “Superba”.

Palazzo Tobia Pallavicino 

Cappella Carrega

Statue Giardino Palazzo Bianco

Palazzo Spinola Gio 

Angoli di cielo tra i Rolli

Interno Palazzo Bianco

Palazzo Doria Sinola (prefettura di Ge)

Un evento da non perdere (anche perché l’entrata nei palazzi è quasi sempre gratuito )

Sto ascoltando 🎧

[foto scattate 14 Ottobre 2017 in vari Palazzi Aperti ]<<
p>

Vegie Botteghe Zena (4)

La bottega, non più di dieci metri quadrati nel cuore della città antica, tra i caruggi e gli antichi palazzi che si affacciano sul porto, è aperta da Italo Giacalone, a servizio di camalli e marinai, nel 1908 in un palazzo del XVII secolo.

Entrata

Viene rinnovata e decorata in stile liberty nel 1922 ad opera della Vetreria Bottaro, la stessa che quasi un secolo dopo ne curerà il restauro.

Vista da fuori

Il piccolo gioiello di eleganza e raffinatezza viene quindi gestita dal figlio Italo dopo la cui scomparsa, e dopo un breve periodo di chiusura, viene restaurata e riaperta nel 1992 dal FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano che l’affida a Tony Ferrante, giovane barbiere di origini siciliane, grazie al cui mestiere è oggi possibile riprovare l’antico piacere di una rasatura a regola d’arte.

Particolari

Bnw

L’ambiente luminoso è quasi abbagliante: la luce rimbalza in un gioco di specchi tra le pareti e il soffitto colorandosi di verde smeraldo, blu cobalto e giallo oro, i colori dominanti dei pannelli in cristallo colorato dai motivi a losanga e a ogive incrociate che fasciano il locale. E poi le classiche piastrelle bianche, gli specchi ovali sopra i lavabo originali, le appliques e i lampadari centrali.

Specchi

Un locale affascinante che ci riporta agli anni e alle atmosfere della Belle Époque, come ci raccontano le poltrone originali sempre molto frequentate.

Veduta d’insieme

Fra i pochi locali ad aver conservato intatto l’arredo originale, la barberia testimonia quel particolare momento di passaggio tra il gusto liberty e l’art déco. Curioso ricordare che nel 1949 la  barberia viene immortalata nel film “Le mura di Malapaga”, di cui fu protagonista l’indimenticabile Jean Gabin.

Nei giorni feriali il barbiere svolge regolare attività, insomma un gioiello da vedere sicuramente anche se un po’ nascosto (Vico Caprettari ) ,e nel caso anche farsi fare una barba e capelli…perché no ?😜☺️

Sto ascoltando 🎧

[foto scattate nei vicoli centro Storico Genova. 2017]